Visit Blog
Explore Tumblr blogs with no restrictions, modern design and the best experience.
Fun Fact
In an interview with inc.com, David Karp (Tumblr's founder) admitted, "Being on computers all the time makes me feel gross."
Trending Blogs
#academia

Proceedings of the 3rd Annual Conference of the European Small Protopsycholinguistics and Sexualisation Society

0 notes
image
image

february 28 multilingual entry

sono fortunata di aver potuto studiare ieri con delle amiche (di modo sicuro ovviamente) in un bel bar che si chiama Tea and Jam. esta noche tengo que terminar algunas tareas y empezar mi proyecto de investigación, ya que la fecha di entrega viene pronto. although a bit apprehensive, I’m eager to learn through my research.

5 notes

If you’d like to join a history discord server with greek mythology, ancient eras, middle ages, revolutions and world wars please send me a message. we have other channels too such as film nights, literature, art history, venting and do many more. send me a message!

8 notes

Academic(derogatory)

0 notes

Silently I lay on the floor

Not just walked over, but dragged on

Quick to forgive, my presence non-existent

My once unique attributes have been withdrawn

My desire for reliability has overtaken me

Though realization has hit me too late

Taken for granted, heavy footsteps causing pain

Trying my best, but might not be able to take the weight

Been told it’s a strength, but why do I feel so weak

Selling my own worth to the hands of another

When there done with me like a mat, I’ll be replaced

Tired, I pick myself up to only be passed to some other

It’s been so long that I forgot where I even begun

2 notes

Each book emits its own sound. They cry out for you, they sing of their purpose, and each endure a battle against time. The songs they sing cannot be described in words. Join the old books in their fight. 

Classical:

Symphony No. 9- David Maslanka

The Spheres- Ola Gjeilo

The Planets: Venus- Gustav Holst

Enigma Variations- Edward Elgar

O Magnum Mysterium- Morten Laurison

Symphony No. 2: II. Dreams Under a New Moon- Frank Ticheli

Wine-Dark Sea Symphony- John Mackey

Arctic Dreams: III. The Whispering Voices of the Spirits Who Ride with the Lights in the Sky- Michael Colgrass

Indie:

How to Never Stop Being Sad- Dandelion Hands

Now That I’m Older- Sufjan Stevens

The Ending of Dramamine- Car Seat Headrest

Some Things Cosmic- Angel Olson

Exogenesis Symphony- Muse

Djohariah- Sufjan Stevens

Broken Birds- Car Seat Headrest

Other:

The Host of The Seraphim- Dead Can Dance

actually… everything from Dead Can Dance

3 notes

Transactions of the Commission on Intersectional Spaces

0 notes
image
image
image
image

Compianto del Cristo morto - Giotto - 1300ca.

Nel contesto dello straordinario ciclo di affreschi eseguiti da Giotto a Padova negli anni 1303-1305 circa, nella Cappella degli Scrovegni o dell’Arena, il Compianto del Cristo morto è probabilmente il punto di maggiore intensità espressiva e drammatica.

Tra le Storie della passione questa occupa una posizione di grande visibilità, si può dire fosse il punto in cui Giotto volesse che le persone si soffermassero maggiormente. Nell’opera il maestro crea una vera e propria rappresentazione drammatica, nel senso teatrale del termine, che sintetizza in termini semplici ed espliciti la tragicità della morte del Figlio di Dio.

Tutti gli elementi della scena convergono verso il muto dialogo tra la Madre e suo Figlio.

Il dolore della Vergine è enfatizzato dalla vicinanza dei due volti e dall’intensità nel suo sguardo.

La dimensione storica dell’evento assume forme e accenti monumentali, sia nelle figure umane che nel paesaggio.

L’ambiente è dominato da una roccia brulla con in cima un albero spoglio, anch’esso converge verso la sinistra dell’osservatore, così da dirigerlo nella parte focale della scena. Il cielo blu è affollato da angeli che sembrano materializzarsi dal fondo, ognuno esprime la propria disperazione. Sono angeli profondamente umanizzati e anche nelle espressioni stanno a sottolineare la profonda tristezza da parte di tutto il creato per questo sacrificio tragico ma inevitabile.

Nella composizione generale un rilievo particolare è attribuito alle figure dei dolenti che circondano il corpo del Salvatore. San Giovanni si contrappone al corpo inerme del Cristo, spalancando le braccia, così che il busto si proietti insieme allo sguardo dell’osservatore verso il gruppo madre-figlio.

La Maddalena, insieme alle altre figure di schiena sorreggono il Cristo creando una sorta di letto funebre. Le figure di spalle escludono l’osservatore, ponendolo in una dimensione al di fuori della storia dell’uomo.

Particolare attenzione alla scelta cromatica dei manti che vestono i personaggi. Utilizza infatti una tecnica inedita che consisteva nel sovrapporre veli di colore sempre più trasparenti, creando sfumature infinitesimali che cambiano in base al punto d’osservazione.

La lettura di quest’opera, anche nella rappresentazione degli affetti, che Giotto introduce con un'iconografia tipicamente bizantina, può essere compresa solo se contestualizzata nel complesso degli affreschi e nell’edificio nella sua totalità; come parte di un meccanismo estetico perfetto.

La cappella dell'Arena nella sua interezza può essere vista come un formidabile laboratorio di sperimentazione.

DATI: 200×185 cm, affresco.

tratto da “Giotto, il Compianto del Cristo morto” di Alessandro Tomei, piccola biblioteca del Sole 24 ore

0 notes

Advances in Political Microrealism

0 notes

IB Biology notes PDF’s

(More will be added as they are completed)

Google Drive

Happy Studying!

0 notes

if we do not engage in a cycle of transformative change, we are likely losing our competitive advantage / edge and will be left behind in the growth cycle…

0 notes

Studying Cultural Studies / especially switching from Social Science to Cultural Studies for my Master’s is so weird because I’m constantly like ??? am I supposed to be doing PoliSci right now? The authors claim that this is an ethnography but it feels like a common sociological study instead? Why was this text written by a linguist but another text for the same seminar was written by someone with a background in Political Theory? What is the theoretical foundation for this paper, this is just rambling? Maybe I should’ve studied Intellectual History instead because I’m realise that I’m mostly interested in the meta level (or with whom Foucault hooked up)?

In conclusion: all academic fields are an illusion, everything is the same

0 notes