Visit Blog

Explore Tumblr blogs with no restrictions, modern design and the best experience.

Fun Fact

In an interview with inc.com, David Karp (Tumblr's founder) admitted, "Being on computers all the time makes me feel gross."

Trending Blogs
#humanity

Ascension - Symptomatic
-
#FashionFilm

Full-length video available on IGTV/YouTube soon
-
”The process of being awake is to stumble through the maze
Logic and rational has been dropped into the abyss of the now power less human … oh the beautiful sound of the birds bees and trees”.
-
#OUTFIT and #ACCESSORIES Custom made by @Euqinom7Designs
-
Edited and #Directed By @Euqinom7Designs
@Apple #IPhone Camera
#london #international
-
Sound Clip/voice- The future of fashion

___________________
DISCLAIMER: I do not own the copyright for the music/voice/sound featured in this video copyright Infringement is NOT intended.
____________________________
#EUQINOM7DESIGNS
#Creative #Exploration #ethereal #Art
#Ascension #Symptomatic #Quarantine #Lockdown #Freedom
#WakeUp #Humanity #paris #nhs #AI #japan #thankyounurses #Positive #china #Medicine#ThinkPositive #lightworker #keyworker
https://www.instagram.com/p/B-RlexznFzl/?igshid=f8u6seth2iso

0 notes · See All
Having so much accessibility maybe dulls our ability to appreciate things. I think about moments that are real, like when I had my first fresh-squeezed orange juice. I grew up with that frozen stuff. Then you taste fresh-squeezed, and you realize, this is orange juice. But that was a rarity. Now it’s something you could have every day. That accessibility — we’re not supposed to have everything.
0 notes · See All

‘quando hai parlato prima di come dopo qualche anno in una coppia cominciano a odiarsi l’un l’altro perché prevedono le loro reazioni o si stancano dei loro modi di fare… credo che per me sarebbe l’opposto. Io credo di potermi innamorare veramente quando so tutto di una persona, come si farà la riga ai capelli, quale camicia metterà quel giorno, conoscere esattamente quale storia racconterà in quella data situazione. allora saprò di essere veramente innamorata.’

0 notes · See All
Chinua Achebe, from The Education of a British-Protected Child: Essays
We cannot trample upon the humanity of others without devaluing our own. The Igbo, always practical, put it concretely in their proverb Onye ji onye n'ani ji onwe ya: He who will hold another down in the mud must stay in the mud to keep him down.
13 notes · See All
image

Venerdì 27 Marzo 2020.

Giorno 21 di quarantena.


Oggi non riesco ad essere ottimista, proprio non ce la faccio.


Ho voglia di aria fresca, ma allo stesso tempo mi spaventa l’idea di uscire. È diventata una psicosi gigantesca che non mi dà pace.


Oggi ho portato fuori il cane e la situazione mi ha spiazzata.


È vero che vivo in un posto tranquillo, ma sono abituata a sentire il rumore delle macchine, di gente che parla, bambini che giocano e ridono, ragazzi sulle panchine.


Oggi no, oggi era diverso. C’ero solo io.


Solo io e un insieme di case spettrali, alcune con le serrande abbassate, altre no, ma tutte condividevano lo stesso silenzio.


Avevo l’impressione di essere l’unica persona presente in questo paese, come se di colpo tutti gli abitanti avessero lasciato le proprie case per andare altrove.


C’ero solo io, nessun rumore, nessuno parlava, non passavano macchine.


Sento un rumore, come di una persona che si avvicina, mi giro d’istinto. Una foglia si stacca dall’albero e inzia a rotolare sull’asfalto a causa del vento.


Ecco, l’unico rumore percepibile era quello della natura, è un bene forse? Certamente, l’aria era pulita e fresca come quella di montagna. Ma l’atmosfera non era felice, al contrario, mi gelava il sangue.


Dopo un po’ scorgo un signore mentre esce dal cancello di casa, indossa una mascherina e dei guanti, sotto braccio tiene una borsa per la spesa.


Si ferma e mi guarda, forse per curiosità, forse per attaccare discorso.


Io mi allontano, come se quella persona potesse farmi del male, lo guardo da lontano e i nostri occhi si incrociano.


È strano quello che si prova, ma sembrava di capirci, come se ci conoscessimo.


E in fin dei conti forse è proprio così. Siamo tutti nella stessa situazione, tutti uniti per sconfiggere questo male, nessuno di noi sa quando finirà, abbiamo paura, ma proviamo compassione.


Quando tutto finirà torneremo alle nostre abitudini, come se nulla fosse accaduto, ma sicuramente porteremo nel cuore questi momenti di paura e sconforto che dopo anni non ci accumunavano e che ci hanno reso, anche se per pochi mesi, un tutt’uno.


È in momenti come questi che ci rendiamo conto che, in fondo, siamo tutti uguali e non importa in che parte del mondo viviamo, stiamo tutti cercando di sopravvivere.

0 notes · See All
Next Page